blues

Elogio dell’imperfezione

Ira Sullivan voleva solo suonare e ammetteva candidamente di non sapere leggere la musica troppo bene. Julia Child sosteneva che in cucina non si dovesse mai chiedere scusa. Quentin Blake incoraggiava i “geniali incompetenti incompresi” a disegnare con successo.

Mi metto comoda e, come nella Metamorfosi di Caputo, mi faccio due risate sui miei limiti. E’ un buon inizio.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...